Diamante per un istante

Un fascio laser può trasformare la grafite in diamante, anche solo per un breve intervallo di tempo. Più che a una improbabile applicazione alla gioielleria, in cui i diamanti sintetici sono già realizzati, sia pure con altre procedure, i ricercatori pensano alla possibilità di utilizzare i fasci laser per «disegnare» circuiti elettronici di dimensioni nanometriche su superfici di grafite.
Infatti la grafite è un semiconduttore e il diamante un isolante, e i due materiali potrebbero essere disposti in modo da formare un nanocircuito. Durante l’esperimento i ricercatori illuminano uno strato di grafite con impulsi laser infrarossi di 45 femtosecondi. Normalmente gli atomi di grafite si dispongono in strati bidimensionali separati da una distanza di 0,34 nanometri, con legami deboli fra uno strato e l’altro.

Sottoposti agli impulsi laser, molti degli atomi si avvicinano fino a 0,19 nanometri dallo strato sottostante, assumendo la configurazione di cristallo tetraedrico propria del diamante. Questa condizione viene mantenuta per pochi picosecondi, ma i ricercatori sperano di trovare il modo di fissarla.

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *